Aggiornamento del 29/02 – Le disposizioni della diocesi di Treviso

Aggiornamento del 29/02 – Le disposizioni della diocesi di Treviso

PROSEGUONO LE DISPOSIZIONI della DIOCESI.

Proseguono, anche nella nostra parrocchia, le disposizioni della Diocesi di Treviso.

Sospese anche per noi celebrazioni, catechismo, incontri di gruppo. Chiusa anche Scuola dell’Infanzia e oratorio Noi. Situazione difficile che affrontiamo con disponibilità, spirito di collaborazione e speranza. Ci affidiamo alla Beata Vergine della Crocetta che non poche volte ha accompagnato i momenti faticosi di questa comunità.

APPUNTAMENTI PARROCCHIALI da RIVEDERE

Avevamo vari appuntamenti quaresimali in programma, per i ragazzi, gli adulti e per gli operatori pastorali. Quelli di questa settimana vengono annullati. Nelle prossime ore ridisegneremo il calendario parrocchiale e offriremo nuove indicazioni, in base alle possibilità. Evitando di ingigantire i problemi, cerchiamo di cogliere insieme strade di recupero e di opportunità. Sulla pagina Facebook di d.Gerardo e su questo sito vengono pubblicati gli aggiornamenti. Le coordinatrici della catechesi possono contattare d.Gerardo per eventuali aggiustamenti e integrazioni.

29/02 – CORONAVIRUS – diocesi di Treviso

“Al momento pare che non potremo tornare a celebrare l’Eucaristia comunitaria nelle nostre chiese anche durante la prossima settimana. Accogliamo con dispiacere le prime notizie, in attesa del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri con i dettagli dei provvedimenti”: è il commento del vescovo di Treviso, Michele Tomasi, nel pomeriggio di oggi, sabato 29 febbraio. Si protraggono, quindi, le indicazioni stabilite dal Vescovo per le celebrazioni nelle nostre chiese e per le attività pastorali delle parrocchie. In tal modo la diocesi di Treviso, insieme alle altre diocesi del Veneto, aveva deciso la settimana scorsa di accogliere responsabilmente, con senso civico, l’ordinanza ministeriale di domenica 23 febbraio, al fine di contribuire a contenere la diffusione del virus. “Ci fidiamo di quanti stanno operando per il bene pubblico e la salute di tutti, in particolare delle persone più fragili e a rischio” sottolinea il vescovo di Treviso, che nei giorni scorsi, nel suo Messaggio per l’inizio della Quaresima, aveva invitato a vivere con serenità e fiducia questo momento, pur nella mancanza di queste “dimensioni fondamentali della nostra vita di discepoli di Cristo”. “Come Vescovi del Triveneto, proprio nei giorni scorsi, abbiamo scelto di rinviare i nostri Esercizi Spirituali previsti dal 2 al 6 marzo, nel nostro centro di spiritualità di Crespano del Grappa. Una vicinanza alle nostre comunità” sottolinea mons. Tomasi. “Questa forzata rinuncia ci faccia scoprire quanto sia importante l’incontro dell’assemblea dei cristiani e ci spinga in futuro a ritrovarci con gioia e gratitudine, magari – speriamo – in occasione della seconda domenica di Quaresima, il prossimo 8 marzo. I sacerdoti che celebreranno senza l’assemblea lo faranno per tutti e tutti potranno partecipare con la preghiera e nello spirito alla celebrazione del sacrificio di Cristo: il Signore risorto è vivo ed è presente tra noi – aggiunge il vescovo Michele -. Prendiamoci del tempo per l’ascolto della Parola di Dio e per la preghiera, cerchiamo con fiducia la relazione con il Signore, affidiamo perseveranti a lui le necessità nostre e del mondo intero. Facciamo in modo che la nostra vita diventi un culto gradito a Dio: possiamo santificare la domenica, giorno del Signore, con gesti di carità a favore dei poveri, segno della presenza del Risorto tra di noi. Questi gesti possono aiutare ad assolvere il precetto festivo, da cui i fedeli sono esonerati, data la situazione”. “Vi accompagno tutti con la mia preghiera – conclude -, e con voi mi affido al Signore nostro Dio, amante della vita. La comunione tra noi che il Signore ci dona sia forte e ci sostenga”.

Treviso, 29 febbraio 2020

✠ Michele Tomasi
Vescovo di Treviso


 22/02 – CORONAVIRUS – diocesi di Treviso

Disposizioni della diocesi di Treviso a seguito di quanto stabilito oggi
dal Ministero della Salute in accordo con la Regione Veneto

“Come diocesi di Treviso ci atteniamo responsabilmente alle indicazioni previste dalle autorità, per la tutela della salute di tutti – sottolinea il vescovo, mons. Michele Tomasi – disponendo la sospensione di attività e celebrazioni nelle nostre comunità parrocchiali. In questo momento di emergenza, senza cedere ad allarmismi e paure non giustificate, ci affidiamo alla professionalità e alla competenza di tutti gli organismi e gli operatori coinvolti, che ringraziamo per il loro lavoro. Come cristiani ci affidiamo anche al sostegno della preghiera, affidando al Signore le persone ammalate e tutti coloro che si stanno prendendo cura della salute pubblica”.

In seguito a quanto stabilito in data odierna dal Ministero della Salute, di intesa con il presidente della Regione Veneto, con l’ordinanza che entrerà in vigore da oggi, domenica 23 febbraio 2020, e sarà valida – a meno di modifiche in seguito alla variazione dello scenario epidemiologico – fino alle ore 24.00 di domenica 1° marzo 2020, per evitare gli assembramenti di persone, la Diocesi di Treviso dispone la sospensione di:

  • Celebrazione pubblica di S. Messe, incluse quelle del Mercoledì delle Ceneri e domenicali, di sacramenti (compresi Battesimi, Prime Comunioni e Cresime), sacramentali, liturgie e pie devozioni quali la Via Crucis;

In sostituzione del precetto festivo e anche del Mercoledì delle Ceneri, inizio della Quaresima, i fedeli possono dedicare un tempo conveniente alla preghiera e alla meditazione, eventualmente anche aiutandosi con le celebrazioni trasmesse tramite radio e televisione;

  • Per i funerali, saranno possibili le sepolture, anche con la benedizione della salma alla presenza delle persone più vicine del defunto, ma purtroppo senza la celebrazione della S. Messa o di altra liturgia; le S. Messe esequiali potranno essere celebrate solo al superamento di questa fase critica;
  • Gli incontri del catechismo e ogni altra attività di patronati e oratori (comprese le feste di carnevale);
  • L’adorazione eucaristica nei luoghi tradizionalmente previsti;
  • Le lezioni dello Studio Teologico del Seminario, dell’Issr e della Scuola di formazione teologica;
  • Le attività educative delle scuole dell’infanzia paritarie presenti nelle parrocchie e dei nidi integrati;
  • L’accesso al Museo diocesano, alla Biblioteca del Seminario, alla Sala del Capitolo;

Come stabilito dal Ministero dell’Istruzione, è sospesa anche l’attività scolastica nel collegio vescovile Pio X.

L’accesso alle chiese sarà possibile, per chi vorrà recarvisi a pregare, fatto salvo il principio di evitare assembramenti di persone.

Le parrocchie, inoltre, sono invitate a sospendere i pellegrinaggi e le visite di gruppo organizzate.

Si sottolinea che la Diocesi di Treviso e il Vescovo sono in costante contatto con le autorità responsabili, in un clima di fattiva collaborazione.

Treviso, 23 febbraio 2020

✠ Michele Tomasi
Vescovo di Treviso

Condividi su:   Facebook Twitter Google
29 febbraio 2020, don Gerardo Giacometti